Zic č  l'Istituto Comprensivo di Zanica (BG)
La Scuola Primaria Statale Padre B. Pilenga di Comun Nuovo (Bergamo)
Il logo dello Zic - Istituto Comprensivo di Zanica

Sito dello Zic: www.iczanica.gov.it

 

 

Linea verticale di separazione

I Mille

L'Italia pre-unità

 

 

Nel maggio 1860, i Mille partirono da Quarto, presso Genova, diretti in Sicilia, con lo scopo di liberare l'Isola dal dominio borbonico.
Sbarcato a Marsala, Garibaldi ottenne l'appoggio del popolo sici
liano, promettendo che, in caso di vittoria, le terre sarebbero state distribuite ai contadini. I garibaldini sconfissero l'esercito di Francesco II e cacciarono i Borboni dalla Sicilia. A quel punto Garibaldi decise di sbarcare in Calabria e di proseguire la liberazione dell'Italia meridionale.
Garibaldi si incontrò con Vittorio Emanuele a Teano, in Campania, dove consegnò al re i territori conquistati.
Il 17 marzo 1861 a Torino, il Parlamento italiano proclamò Vittorio Emanuele II re d'Italia.


  • Chi era Garibaldi? Breve biografia

Giuseppe Garibaldi (1807-82), generale e patriota italiano nacque a Nizza quando Nizza era ancora italiana.
Nel 1833 aderì alla Giovine Italia, partecipò ai moti di Genova e dovette sfuggire alla polizia che lo aveva condannato alla pena di morte.
In Brasile, dove si era rifugiato combatté con gli insorti del Rio Grande.
Tornato in Italia, partecipò alla prima guerra d'Indipendenza e nel 1849, era a Roma a combattere per la Repubblica Romana.
A seguito della fuga da Roma tornò in esilio: New York, Perù, Cina.
Scoppiata la seconda guerra d'Indipendenza nel 1859 in Italia, comandò i Cacciatori delle Alpi conseguendo splendide vittorie.
Nel 1860 organizza la spedizione dei Mille e conquista all'Italia il Mezzogiorno.
Nel 1862 tenta, senza successo, la conquista di Roma.
Durante la terza guerra d'Indipendenza nel '66 conduce vittoriosamente le sue truppe a Monte Suello e a Bezzecca.
Garibaldi morì a Caprera nell'1882, dove si era ritirato negli ultimi anni.

Se vuoi leggere un fumetto animato che ha per protagonista Giuseppe Garibaldi, clicca qui

Sviluppo e realizzazione I componenti dello ZIC group